Shopping Cart
Your Cart is Empty
Quantity:
Subtotal
Taxes
Shipping
Total
There was an error with PayPalClick here to try again
CelebrateThank you for your business!You should be receiving an order confirmation from Paypal shortly.Exit Shopping Cart

"SANTI SOTTO CAMPANA"

in the name of BEATRICE ANDRIANO CESTARI and Mario Cestari

In occasione della Santa Pasqua ho il piacere di presentare, dalla mia collezione

L' ADDOLORATA DI BINETTI         

La base in legno verniciato di nero, di forma circolare ha il diametro di 34 cm; la campana di vetro a forma cilindrica è alta 71 cm. All'interno è custodita la statua di Maria Addolorata, alta 58 cm, con il corpo a blocco unico di cartapesta, il viso e gli arti in terracotta policroma modellata a mano. Maria è rappresentata in piedi su una balza rocciosa, ricoperta con fine pietrisco.

La Madonna del Binetti (Corrado Binetti, statuario in Molfetta) è raffigurata senza altri attributi che gli abiti luttuosi: veste e mantello sono di un intenso color nero rischiarato appena dal bianco del velum e della camicia; di questa si intravedono soltanto i polsini e la parte superiore che, a mò di soggolo, crea intorno al collo morbidi panneggi circolari. i vestiti sono rifiniti con sottile pizzo di carta color oro che, qua e là, accende bagliori imprevisti; un'alta fascia di rabescature colorate decora l'orlo dell'abito, che ricade sui piedi in ricche e morbide pieghe.

La Vergine, nei gesti e nell'espressione del viso, riproduce la maschera del dolore quale fu fissata nell'arte classica e poi ripresa in quella cristiana.: sopracciglia aggrottate ad angolo acuto, fronte leggermente corrugata, palpebre superiori semi-abbassate e bocca dischiusa. Ella stringe le mani in gesto di dolore e di preghiera e, allargando le braccia, raccoglie nella piegatura dei gomiti l'ampio mantello, che cade rastremandosi in basso.

L'Addolorata è immaginata in atto di incedere, come suggerisce il piede, calzato da un semplice sandalom che avanza nell'orlo della gonna.

Il volto dalla bellezza nobile e delicata, il gesto tormentato delle mani, la sapienza compositiva della struttura rilevano la perizia dell'artista che ha saputo rinnovare, grazie al suo forte senso drammatico e plastico, uno schema iconografico fin troppo ripetuto e abusato.